Michele Sarzilla: che gara alla WTCS Cagliari!

Che gara! Prima di testa, poi di muscoli. Michele Sarzilla ha mostrato un carattere e una forza granitici oggi, sabato 8 ottobre, a Cagliari, chiudendo la gara della World Triathlon Championship Series in ottava posizione. Un risultato storico per lui e per l’Italia nel circuito più importante del calendario internazionale, quello che assegnerà alla fine di novembre i titoli mondiali della triplice.

Ma andiamo con ordine: Sarzilla è arrivato in Sardegna in condizioni fisiche non ottimali per un virus intestinale con cui ha dovuto convivere nell’ultimo mese e che ha pesato sulla sua prestazione ai Campionati Italiani di triathlon sprint disputati nello scorso weekend a Cervia, chiusi al settimo posto.

A Cagliari, sul campo gara, ha messo prima di tutto la testa, che lo ha portato a combattere sempre là davanti con i più forti protagonisti della triplice mondiale e in compagnia di Gianluca Pozzatti, l’altro azzurro presente. Sulla finish line sono giunti praticamente insieme (Pozzatti settimo e Sarzilla ottavo), regalando all’Italia del triathlon una pagina di storia di gioia ed emozioni: mai prima due italiani sono saliti insieme così in alto in classifica in una gara di questo livello.

Michele ha tagliato il traguardo in 1:40’45” dopo aver percorso 1,5 km di nuoto, 40 km di ciclismo e 10 km di corsa. A vincere è stato il britannico Alex Yee (1:40’19”).

«È il mio primo anno in WTCS e dopo essere sempre entrato in top 20 nelle precedenti tappe a cui ho partecipato (20° a Yokohama, 14° a Leeds e 17° ad Amburgo, ndr), sapevo di poter ambire alla top 10. Certo non me la sarei mai aspettata oggi, visto che non stavo attraversando il periodo di forma migliore. In questi ultimi giorni, però, sono riuscito a recuperare e stamattina sapevo di poter scendere in campo spingendo il piede sull’acceleratore. Il corpo ha risposto nel migliore dei modi ed è tornata anche la testa. Ho deciso quindi di spingere fin da subito, in bici non ho mai risparmiato energie. È stato bellissimo, forse anche il gareggiare in casa ha avuto il suo peso: è stato come se allenatori, amici e pubblico mi spingessero. È arrivato così questo ottavo posto, sono così felice che stento ancora a crederci. Voglio ringraziare lo staff tecnico del 7MP Squad Fabio Vedana, Simone Diamantini e Marco Sias, che oggi erano presenti e che soprattutto hanno sempre creduto in me. Dopo quest’ultimo mese mi sembrava mi fossi dimenticato di come si gareggia, ma dopo la tempesta viene sempre il sereno», le parole di Michele dopo il traguardo.

Michele Sarzilla al traguardo della WTCS Cagliari. Per lui l’ottava posizione dietro all’altro azzurro Gianluca Pozzatti (Foto: Tiziano Ballabio / Federazione Italiana Triathlon)

L’ESORDIO DI BIANCA SEREGNI

A Cagliari, in quella che è stata la prima tappa della World Triathlon Championship Series in Italia, ha gareggiato anche Bianca Seregni, al suo esordio nel circuito mondiale. Un esordio che avrebbe voluto vivere diversamente (ha chiuso in 36ª posizione in 1:54’44”), ma che certamente saprà trasformare in un’esperienza da cui ripartire per puntare a ben altri piazzamenti, sicuramente nel futuro prossimo di un talento quale è Bianca. La più veloce è stata la britannica Georgia Taylor-Brown con il tempo di 1:47’42”.

«È stata una giornata no, l’ho capito subito. Nel nuoto, essendo all’esordio e non avendo quindi ranking, non ho ovviamente potuto schierarmi nelle posizioni migliori. È stata una frazione un po’ complicata, con i due giri in acqua e il tratto, abbastanza lungo, da correre sulla spiaggia per ributtarsi poi in mare. Mi sono comunque difesa, all’uscita avevo le prime a pochi metri. I veri problemi sono nati in bici, soprattutto sulle salite, le gambe non volevano proprio girare. Così ho iniziato a staccarmi dai gruppi e a dover affrontare da sola parte della prova, con un vento non proprio amico. Pur recuperando e rientrando su un gruppetto, ormai avevo perso troppo terreno dalle battistrada. Anche a piedi ho fatto molta fatica tanto da arrivare a pensare di ritirarmi. Non l’ho fatto: volevo a tutti i costi portare a termine una gara così importante, tra l’altro sul territorio italiano e vestendo la maglia azzurra, che per me va sempre onorata», il commento di Bianca a fine gara.

CLASSIFICHE COMPLETE

Giornata no per Bianca Seregni all’esordio in WTCS (Foto: Tiziano Ballabio / Federazione Italiana Triathlon)

LA PAROLA A FABIO VEDANA

Fabio Vedana, amministratore delegato e coach del DDS-7MP Triathlon Team: «È stata un grande giornata, Michele ci ha fatto nuovamente sognare. Seppur ancora non in perfette condizioni fisiche, era in perfette condizioni mentali e sappiamo bene che è sempre la testa a fare la differenza. Siamo soddisfatti, ma ancora affamati perché sappiamo che possiamo ulteriormente migliorare una prestazione che è già di per sé eccezionale perché mai prima di oggi due azzurri sono entrati nella top 8 di una gara di questo livello. Sì, perché il “bravo” va esteso a Gianluca Pozzatti: lui e Michele sono arrivati praticamente insieme, Gianluca settimo, Michele ottavo».

«Bianca non è mai riuscita a entrare in gara. Era al debutto nella World Triathlon Championship Series, deve quindi essere per lei una preziosa occasione per imparare e ripartire dai suoi punti deboli. Il livello in campo oggi è il massimo che c’è nel mondo, è necessario tornare a lavorare su quei punti che ci possono poi permettere di essere tra i migliori, perché Bianca ha tutto per essere tra le top della Formula 1 del triathlon.»

«Come dicevo, ripartiamo da Cagliari soddisfatti, guardando con ambizione alle ultime due gare del circuito WTCS, a Bermuda nel week end del 5 e 6 novembre, e ad Abu Dhabi, dal 24 al 26 novembre, per la Grand Final che assegnerà i titoli mondiali del triathlon.»

Michele Sarzilla con Simone Diamantini, Fabio Vedana e Marco Sias, staff tecnico del DDS-7MP Triathlon Team (Foto: Tiziano Ballabio / Federazione Italiana Triathlon)

WTCS Cagliari (Foto: Tiziano Ballabio / Federazione Italiana Triathlon)

Share this article