Da Amburgo a Recco, passando le Dolomiti

I numeri spesso non riescono a raccontare tutto ciò che sta dietro un risultato, una prestazione. Michele Sarzilla, alla WTCS di Amburgo, ne è sicuramente una prova. Impegnato sia sabato 9 luglio, nella gara individuale, sia domenica 10 in quella di mixed relay, ha fatto segnare in classifica una diciassettesima e una quindicesima posizione.

«Il piazzamento di Sarzilla nella gara individuale, tra l’altro velocissima – commenta coach Fabio Vedana –, è buono. È la terza top 20 in tre gare della WTCS, le sue prime partecipazioni in quello che è il circuito mondiale più importante della triplice. Possiamo essere solo soddisfatti, anche se siamo i primi a riconoscere che c’è da lavorare per migliorare gara dopo gara. Ora guardiamo ai prossimi appuntamenti targati WTCS, che si disputeranno tutti su distanza olimpica (1,5 km di nuoto, 40 km di ciclismo e 10 km di corsa): da Cagliari (7-8 ottobre) alle Bermuda (5-6 novembre), alla Gran Final di Abu Dhabi (26 novembre), oltre all’Europeo di Monaco (12-14 agosto) e alla tappa di World Triathlon Cup a Karlovy Vary, in Repubblica Ceca (11 settembre), sempre su distanza olimpica.»

La staffetta azzurra alla WTCS ad Amburgo. Da sinistra: Verena Steinhauser, Michele Sarzilla, Ilaria Zane e Nicola Azzano (Foto: World Triathlon)

«Nella prova a staffetta della domenica – continua Vedana purtroppo il team azzurro, composto oltre che da Michele da Nicola Azzano, che forse non era ancora riuscito a recuperare lo sforzo della doppia trasferta affrontata in due week end consecutivi di giugno in Messico e in Canada, Ilaria Zane e Verena Steinhauser, ha chiuso sotto le aspettative, in quindicesima posizione.»

Sarzilla ha tagliato il traguardo della gara individuale, corsa su distanza sprint (750 m di nuoto, 20 km di ciclismo e 5 km di corsa) in 53’58”. I più veloci sono stati il neozelandese Hayden Wilde (53’10”) e l’atleta delle Bermuda Flora Duffy (58’37”).

La staffetta italiana ha fermato il cronometro a 1:25’28”. A vincere è stata la Gran Bretagna in 1:20’50”.

CLASSIFICHE COMPLETE

Nell’olimpico di Recco Andrea Figini conquista il suo primo podio in un triathlon.

IL PRIMO ARGENTO…

… non si scorda mai. Andrea Figini è salito per la prima volta sul podio di una gara di triathlon. Il giovane triatleta, al suo primo anno nella triplice, domenica 10 luglio ha infatti conquistato la medaglia d’argento al Triathlon olimpico di Recco, chiudendo la sua performance in 2:10’59” dietro solo ad Alberto Nardin (2:10’39”).

«Siamo molto soddisfatti per Andrea, è giovane, arriva dal ciclismo e si sta distinguendo per serietà, impegno e grande determinazione. È un piacere lavorare con atleti di questa caratura», sono le parole di Vedana.

CLASSIFICHE COMPLETE

Bianca Brambilla è argento nella Ultracycling Dolomitica 180.

L’APPETITO VIENE MANGIANDO

Bianca Brambilla, domenica 10 luglio, è tornata a correre un’ultracycling, l’Ultracycling Dolomitica 180 per l’esattezza, considerata la cronometro più dura al mondo. E così dopo aver rodato bici e gambe nella Race Across Italy 300 km ad aprile, vincendola, in questa seconda esperienza “ultra” si è messa al collo la medaglia d’argento.

«Bianca ci ha sorpreso ancora – dice ancora Vedana –, lanciatissima nella sua carriera da ultracycler. All’Ultracycling Dolomitica ha confermato le buone cose che aveva già dimostrato alla Race Across Italy.»

2022 World Triathlon Championship Series Hamburg | Mixed Relay

Share this article